Alimentazione vegana: falsi miti

Tra le domande più frequenti alle quali solitamente un vegano deve rispondere ci sono le seguenti:

1)      Da dove assumi le proteine necessarie al corretto funzionamento dell’organismo?

2)      Se non mangi carne, non rischi una carenza di ferro?

3)      Se non bevi latte e non mangi latticini, non rischi una carenza di calcio?

Non sono una nutrizionista (né medico né biologo) quindi provo a rispondere brevemente a questi quesiti basandomi sulle mie conoscenze in materia di nutrizione vegana che sono frutto di:

-          lettura di libri, articoli e interviste che riportano i risultati di ricerche e studi scientifici a supporto della validità  dell’alimentazione vegana per la salute dell’uomo e dell’ambiente;

-          partecipazione a seminari e c...

Leggi tutto

Acqua in bottiglia o del rubinetto?

Ciao

oggi voglio approfondire con voi un aspetto che per mesi io stessa non ho considerato: la qualità dell’acqua che beviamo.

Concentrata sulla preparazione di alimenti il più possibile sani, ho completamente scordato di chiedermi come sia l’acqua che bevo tutti i giorni.

Il nostro corpo è composto per grandissima parte da acqua, elemento essenziale per la nostra sopravvivenza poiché svolge numerose funzioni vitali: ad esempio coadiuva la digestione, elimina le tossine e le scorie, protegge i tessuti e trasporta sostanze nutritive e ossigeno alle cellule del nostro organismo.

Per questo è fondamentale bere molta acqua durante il giorno così da garantire una buona idratazione del corpo...

Leggi tutto

L’acidificazione del corpo

Oggi voglio approfondire un tema di cui sempre più spesso si sente parlare: l’acidificazione del corpo.

Otto Heinrich Warburg, premio nobel per la medicina, nel 1932 affermò che l’acidità dell’organismo è la causa primaria del cancro.

Ma cosa si intende per acidificazione del corpo?

I cibi si distinguono in base al loro Ph in alcalini (ph maggiore di 7), neutri (ph 7) e acidi (ph minore di 7).

L’assunzione eccessiva di cibi acidi provoca una reazione nell’organismo che causa l’acidificazione del sangue e la perdita di sali minerali. Ne consegue una forte acidità tessutale, l’indebolimento  del sistema immunitario e la promozione di stati infiammatori che nel tempo possono diventare anche cronici.

Per mantenere in salute il nostro corpo è quindi fondamentale regolare il ...

Leggi tutto

Quali sono gli alimenti a basso indice glicemico?

chocolate-183543_1280 kiwi-328224_1280 nature-87263_1280 seed-1716_640 bread-49607_1280 peanuts-1113_640 (1)

Nell’articolo  “Ecco perché limitare l’assunzione di carboidrati e zuccheri” nella sezione Studio, abbiamo detto che l’indice glicemico è la velocità con cui i carboidrati di un alimento vengono assorbiti dal corpo; e abbiamo sottolineato l’importanza per chi è a dieta o vuole mantenere la propria forma fisica, di preferire i cibi con un basso indice glicemico.

Ma quali sono questi alimenti?

Pensavo esistessero delle tabelle riconosciute ufficialmente con l’indicazione dell’indice glicemico dei tutti gli alimenti ma purtroppo mi sbagliavo, forse perché l’interesse degli addetti al settore per questo valore è recente.

Sappiamo tuttavia che tra gli alimenti a basso indice glicemico ci sono l’avena, ottima a colazione nello yogurt o come snack (sul blog trovate la ricet...

Leggi tutto

Ecco perché limitare l’assunzione di carboidrati e zuccheri

Quali sono i cibi per i quali proviamo il “craving”? patatine, cioccolato, pizza … quindi glucidi.

I glucidi o glicidi (dal greco glucos, cioè dolce) sono dei composti chimici organici chiamati anche carboidrati (solitamente divisi in semplici e complessi), saccaridi (solitamente divisi in mono- e polisaccaridi) o zuccheri.

Da anni l’attenzione di nutrizionisti e dietisti è rivolta ai carboidrati raffinati, ad alto indice glicemico.

Che cos’è l’indice glicemico? In parole povere è la velocità con cui i carboidrati di un alimento vengono assorbiti dal corpo.

Per chi è interessato ad una spiegazione tecnica riporto alcune informazioni presenti sul sito www.diabete.com, che risulteranno utili anche per le persone a dieta.

Per garantire il corretto funzionamento ...

Leggi tutto

Quel desiderio chiamato “craving”

Avete presente quando siete in auto di ritorno da una giornata molto pesante al lavoro ed  immaginate di gustare della cioccolata o delle patatine? E non riuscite a pensare ad altro?

In medicina questo stimolo viene definito “craving”, indicando un desiderio forte al quale difficilmente si può resistere, spesso legato a stati emotivi negativi (tristezza, nervosismo, ansia).

Quante volte avete visto un’amica consolarsi da una delusione d’amore con un bel cucchiaio di crema al cioccolato? Ecco, in quel momento la vostra amica è vittima del craving: si sente triste e cerca consolazione in un cibo che già altre volte l’ha tirata su di morale.

Mentre gusta la cioccolata, il suo cervello inizia a rilasciare la dopamina, un neurotrasmettitore che trasmette al cervello una sensazione...

Leggi tutto

Intervista alla dietista Susanne Baum

Sul Journal for health care professionals I Mct I edizione 01/2013, Forum Dr Schar Institute, ho letto con interesse l’intervista alla Dott.ssa Susanne Baum, dietista presso l’Ospedale Schonklinik Vogtareuth in Germania, che ha modificato la dieta Atkins (dieta chetogenica integrata che prevede l’assunzione giornaliera di massimo 50 grammi di carboidrati) introducendo l’assunzione di grassi MCT, trigliceridi a catena media, per il trattamento di pazienti epilettici.

La dieta è conosciuta come MAD-MCT.

La sua variante della dieta prevede anche l’eliminazione o la riduzione al minimo di acidi grassi saturi o trans, prediligendo grassi ad alto valore nutrizionale come quelli contenuti nell’olio di oliva, canapa, lino.

Nell’intervista la Dott...

Leggi tutto

Perchè mangiare carne e pesce nuoce alla nostra salute?

Perché non mangiare carne?

Nella sezione “studio” trovate motivazioni per me fondamentali, ma ci sono anche alcuni aspetti legati alla salute che dovrebbero farci desistere dal mangiare carne e pesce.

La carne che acquistiamo a buon prezzo nei supermercati proviene in gran parte da allevamenti intensivi dove gli animali vivono in spazi limitati e non adeguati ad ospitarne un numero così elevato.

Per evitare l’insorgere periodico di malattie dovute all’ alta concentrazione di capi di bestiame, l’allevatore somministra regolarmente agli animali farmaci che inevitabilmente troviamo come residui nei prodotti di origine animale come carne, latte e uova.

E’ come se ogni giorno assumessimo la millesima parte degli antibiotici somministrati agli animali; personalmente non mi spaventa t...

Leggi tutto

Quali sono i cibi che aiutano a prevenire le malattie?

I vegani seguono uno dei proverbi più vecchi del mondo: prevenire è meglio che curare!

Possiamo prevenire l’insorgere di malattie cancerogene e altre gravi patologie mangiando in maniera sana ed equilibrata.

Vediamo come.

In tavola devono sempre essere presenti in abbondanza frutta e verdura, che proteggono la nostra salute e aiutano a prevenire i tumori grazie all’ apporto di fibre e sostanze quali vitamine, antiossidanti e minerali.

Mangiare frutta e verdura, alimenti con un basso apporto energetico e un buon potere saziante poiché ricchi di acqua,  significa anche controllare il peso corporeo.

Una delle linee guida dell’American Cancer Society /2006) riguarda infatti il controllo del peso e l’attività fisica, che deve essere di almeno 30 minuti per almeno 5 giorni alla settimana (...

Leggi tutto

Come riuscire a fare un po’ di attività fisica

Quando sul sito della lega antitumori (Lilt) ho letto l’indicazione di fare esercizio fisico 5 volte alla settimana mi sono un po’ spaventata: di solito faccio le corse per riuscire ad utilizzare la cyclette 15 minuti 3 giorni a settimana e non è sufficiente????

Nel periodo primaverile/estivo dovremmo prendere l’abitudine nel weekend di andare a correre, magari in compagnia, così da condividere lo sforzo e sentirci spronati a non abbandonare…

In alternativa dal lunedì al venerdì dobbiamo considerare l’attività fisica come un dovere nei nostri confronti:

andiamo tutti i giorni al lavoro? Ecco, allo stesso modo, dobbiamo fare esercizio fisico, per il nostro benessere psicofisico.

Chi può e riesce fa bene ad andare in palestra perché così non ha distrazioni: magari per chi si ann...

Leggi tutto